Insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli

marzo 28, 2018



Siamo ormai in dirittura di arrivo, Pasqua è veramente dietro l'angolo e per quel giorno la tradizione vuole che sulle nostre tavole ci sia il simbolo della festa per eccellenza: l'uovo.
Se cercate un modo per presentarlo in maniera graziosa e non scontata senza perdere tempo nella realizzazione di ricette complicate, questo antipasto, l'insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli, fa proprio al caso vostro!

Prima di passare alla ricetta, una piccola curiosità: sapete perché l'uovo è il simbolo della Pasqua?

Nella religione cristiana l'uovo rappresenta la risurrezione perché è qualcosa di apparentemente inanimato che racchiude al proprio interno una nuova vita.

L'uovo fa parte della simbologia di moltissimi paesi nel mondo e gli sono dati differenti significati; era già presente nelle tradizioni di religioni pagane più antiche del Cristianesimo come simbolo legato alla rinascita della natura, alla primavera e alla ritrovata fertilità della terra.

In cucina è utilizzato in moltissime ricette, sia per la sua funzione di legante, addensante ed emulsionante (il tuorlo contiene lecitina che è l'agente emulsionante per eccellenza), che come protagonista di piatti più o meno semplici da realizzare.

Qualche dritta prima della preparazione

Un piccolo segreto per togliere il guscio alle uova sode più facilmente e senza danneggiarle: appena cotte mettetele subito sotto acqua fredda corrente oppure in una ciotola con acqua e ghiaccio e dopo circa un minuto (il tempo necessario a non scottarvi le mani) sgusciatele.

L'albume per reazione al freddo si contrarrà rendendo l'operazione più semplice.

Rompete il guscio sbattendo delicatamente l'uovo sodo dall'estremità più larga e iniziate a sbucciarlo tenendolo sotto un filo di acqua corrente fredda.

Una volta sgusciate, se non le consumate subito, mettete le uova sode in una ciotola e sigillatela subito con pellicola, una volta che saranno completamente raffreddate potrete riporle in frigorifero per utilizzarle nel giro di qualche ora.

Se dovete conservarle più a lungo lasciatele con il guscio.

Potete mondare e tagliare le puntarelle e i rapanelli necessari alla preparazione di questo piatto con circa mezzora di anticipo e tenerli pronti per l'uso in una ciotola immersi in acqua fredda.



Ricetta dell'insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli

Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 3 minuti
Calorie:  143 kcal a porzione
Carboidrati: 1,5 gr a porzione

Ingredienti per 4 persone

10 uova di quaglia
20 filetti di alici Delicius Double
80 gr c.a. di puntarelle
12 fiori eduli
2 rapanelli
Un cucchiaino di olio evo
Aceto balsamico q.b.
Sale q.b.

Preparazione

Mettete le uova di quaglia in una pentola immerse in acqua fredda e ponete su fuoco, attendete che l'acqua raggiunga il bollore e lasciatele cuocere per 3 minuti.

Trascorso questo tempo trasferite le uova in acqua fredda.

Lavate le puntarelle e scegliete le cimette più belle e non troppo grandi (eventualmente tagliatele in due per il lungo), tagliatele alla base dritte in modo che possano rimanere in piedi sui piatti da portata.

Mettetele le puntarelle in una ciotola e conditele con un filo d'olio e un pizzico di sale, mescolatele con delicatezza per non rovinarle.

Tagliate i rapanelli a fette piuttosto sottili.

Sgusciate le uova di quaglia e tagliatele in due per il lungo, disponetele nei piatti alternandole alle puntarelle, alle fette di rapanello e ai filetti di acciuga sgocciolati dall'olio formando delle mezza lune, adagiate i fiori eduli.

Finite l'insalata con uova di quaglia, alici e fiori eduli con qualche goccia di aceto balsamico e servite.






You Might Also Like

8 commenti

  1. Che meravigliosa insalata di primavera :-) se ti va sarebbe perfetta x il mio contest :-) ti lascio il link e ti aspetto https://ibiscottidellazia.blogspot.it/2018/03/meat-free-contest-di-marzo-e-aprile.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Consu, arrivo!
      Buona giornata!

      Elimina
  2. amo moltissimo le uova di quaglia, le cucino spesso essendo meno cariche di colesterolo rispetto alle classiche di gallina. Ottima presentazione, molto accattivante :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono molto graziose e hanno anche il vantaggio di avere meno colesterolo rispetto a quelle di gallina e altri volatili.
      Grazie e Buona giornata!

      Elimina
  3. I tuoi piatti sono sempre più raffinati nella presentazione, complimenti davvero! Buona Pasqua anche a voi Silvia, a te e tuo marito. Un bacio

    RispondiElimina
  4. Mia madre oggi ha aggiunto qualcosa che non sapevo: ricordava di aver studiato a scuola qualcosa sulle uova e oggi ha detto "ma sai che a pasqua le galline fanno più uova?", c'entrerà anche questo con tutta la simbologia? Chissà!
    Nel frattempo mi godo la visione della tua presentazione: meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai! :) Potrebbe essere...
      Grazie e ancora buona Pasqua!

      Elimina

Ogni testimonianza del vostro passaggio sul mio blog è molto gradita, risponderò con piacere ai vostri messaggi appena possibile!
Grazie!

Lettori fissi

Google+ Followers