Calamari ripieni di patate e pecorino su crema di fave

aprile 29, 2015


La primavera è arrivata portando con sè buoni frutti, in questi giorni si può approfittare della bontà delle fave fresche che attirano l'attenzione con i loro grandi baccelli verde brillante sui banchi dei mercati.

Questo legume è particolarmente legato alla  mia cultura personale perché in famiglia viene spesso utilizzato in forma secca per la preparazione del purè di fave, ingrediente fondamentale di un piatto tradizionale pugliese: fave e cicorie.

In forma fresca invece mi ricordano quando ero bambina e vivevamo in Sardegna, in questo periodo dell'anno qualcuno ce ne portava in regalo dei sacchi pieni.

Il profumo fresco che si sprigiona aprendo  i baccelli e che persiste sulle mani mi riporta ai momenti in cui io e mia madre li sgranavamo, le fave più tenere e piccole le consumavamo crude accompagnate, logicamente, a del buon pecorino locale.

Il pecorino sardo, anche in forma stagionata, risulta più delicato rispetto a quello romano che normalmente si utilizza per essere grattugiato, anche per questo ho scelto di utilizzarlo per la mia ricetta.



Calamari ripieni

In altri periodi dell'anno le fave si possono sostituire, per la preparazione di questo piatto, con gli asparagi o con i piselli che si trovano più facilmente anche in forma surgelata.

Vi suggerisco di utilizzare calamari di dimensione almeno medio-grande (peso lordo 350-400 gr. cad.) perché in cottura si restringono molto e l'idea è quella di servirli a fette.

Secondo i vostri gusti e la stagionatura del pecorino che utilizzerete potete aumentarne leggermente la dose facendo però attenzione a non coprire eccessivamente gli altri sapori.

Ingredienti (per 4 persone)

1,5 kg di calamari (peso lordo)
500 gr di patate rosse o da gnocchi
100 gr di pecorino sardo stagionato
1 uovo medio
8-10 foglie di menta
2 spicchi d'aglio
Vino bianco q.b.
Olio evo q.b.
Sale e pepe q.b.

Per la crema di fave:

1 kg di fave fresche (peso lordo con i baccelli)
Olio evo q.b.
Sale q.b.


Lavate le patate e lessatele con la buccia facendole sobbollire dolcemente e ponendo attenzione a non superare i tempi di cottura affinché non si spacchino assorbendo acqua; sbucciatele e schiacciatele ancora calde e lasciatele intiepidire in una ciotola senza coprirle.

Sbollentate le fave per 5 minuti, scolatele e passatele velocemente sotto acqua fredda.

Pulite i calamari: separate i tentacoli dalla sacca, eviscerateli, eliminate l'osso, gli occhi ed il becco e spellateli, sciacquate velocemente sotto acqua corrente fredda.

Separate le alette dalle sacche e tagliatele a piccoli pezzi insieme ai tentacoli.

In una pentola scaldate olio q.b. con uno spicchio d'aglio intero, quando accennerà a sfrigolare aggiungete i pezzi di calamaro e fate rosolare a fiamma vivace, sfumate con una spruzzata di vino bianco, regolate di sale e pepe e fate cuocere per 4-5 minuti, a fine cottura eliminate l'aglio.

Unite l'uovo e il pecorino grattugiato alle patate, con un mestolo forato raccogliete i pezzi di calamaro dal sugo che si sarà formato in cottura, unite anch'essi alla patata tenendo da parte il sugo, aggiungete al ripieno le foglie tritate di menta.

Regolate il composto di sale considerando che il pecorino è già piuttosto sapido.

Riempite le sacche con la farcia aiutandovi con un cucchiaio o una sac à poche, pressate leggermente e controllate che i calamari siano pieni solo per 2/3 perché in cottura si ritireranno, chiudete l'apertura di ogni sacca con uno stecchino.

Fate scaldare in una pentola olio q.b. con uno spicchio d'aglio intero, rosolate i calamari ripieni a fiamma vivace su ogni lato, poi spruzzate di vino bianco e fate evaporare quindi abbassate la fiamma, coprite e fate cuocere per 10 - 15 minuti secondo la dimensione dei molluschi e girandoli una volta.

Eliminate l'aglio e fate intiepidire i calamari  ripieni prima di tagliarli a fette così che il ripieno di patata, che è molto morbido e delicato, si solidifichi un pochino, utilizzate poi un coltello ben affilato evitando di schiacciare le sacche.

Sbucciate le fave e frullatele aggiungendo un filo generoso d'olio, sale e acqua q.b. a rendere il composto morbido e vellutato.

Unite i due sughi di cottura dei calamari, scaldate la crema di fave e distribuitela sui fondi dei piatti, mettete sopra le fette di calamaro e inumiditele con il sugo, decorate con cimette di menta e spolverate con una macinata di pepe.

You Might Also Like

13 commenti

  1. E come si potrebbe non apprezzare tanta meraviglia? Modificherei solo la crema, perché non amo le fave, ma il risultato è pazzesco. Complimenti ^_^

    RispondiElimina
  2. Questo è veramente un piatto meraviglioso, io vado pazza per tutti gli ingredienti che hai usato :)
    Un bacio grande :)

    RispondiElimina
  3. Fave anche qui, che meraviglia!
    Mi piace tantissimo l'idea di usarle nel ripieno di questi calamari così chic: fantastici <3
    Un bacino e una bella giornata!

    RispondiElimina
  4. Fave, pecorino...gnam una vera combinazione vincente! questo piatto è favoloso! da tenere presente per un pranzo chic! si presenta magnificamente!

    RispondiElimina
  5. Finché ho vissuto con i miei le fave non sono mai entrate in casa. Non saprei dirti perchè. Ossessionata dalla fobia del favismo (non saprei nemmeno dirti perchè avessi questa paura) fino all'anno scorso non le ho mai considerate. Poi a furia di vederle utilizzate dalle blogger mi son decisa a sperimentarle. Sono scoraggianti...quanto a sgranamento, ma meritano. I calamari ripieni mi piacciono molto, di solito li faccio ripieni banalmente con i loro tentacoli, pomodoro, pane grattuggiato e prezzemolo. Il tuo ripieno mi attira assai. La menta li rende molto...sardi (patate e menta mi ricordano i culurgiones). Presentazione da gourmet ! Brava Silvia !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina!
      Eh sì, questo piatto è un misto tra sapori sardi e pugliesi... La mia storia!
      Dai Cristina, in tutti questi anni hai evitato le fave per la fobia del favismo, ma sai che i fabici stanno male anche per i piselli?
      In Sardegna ci sono tante persone con questo problema...
      Un bacio!

      Elimina
  6. Che piatto sopraffino, una delizia!
    Peccato che trovare le fave qui è un'impresa...
    Mi piace la nuova veste del blog, e se non è tanto nuova perdonami, ma come sai sono latitante, presto mi prenderò il tempo per rimediare.
    un abbraccio
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Su, ci sto lavorando da qualche giorno...
      Con la primavera mi è presa voglia di cambiamenti e non mi è bastato tagliare e cambiare colore dei capelli!
      Un bacio!

      Elimina
  7. Il connubio fave e pecorino genialmente abbinato ad un piatto di mare davvero innovativo. Sei geniale, Silvia!
    Baci!
    MG

    RispondiElimina
  8. Mi piace moltissimo la resa visiva di questo piatto... Il sapore lo posso solo immaginare ma l'esperienza m'insegna che il binomio pesce e formaggio spesso dà dei risultati pazzeschi. Vedo tanta bontà e talento da vendere qui.
    Un abbraccio
    Lore

    RispondiElimina
  9. Un piatto davvero fantastico l'accostamento dei sapori e delle consistenze è estremamente intrigante, irresistibile :-) Immagini favolose, complimenti!
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
  10. Ciao Sivia!! non ero mai passata dal tuo blog e sono pentitissima!! E' meraviglioso! Questo piatto ha dei colori fantastici, la foto è stupenda e viene voglia immediata di assaggiare!! Brava deve avere un sapore eccezionale! un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Un plato original, que a pesar de tener habas en casa no se me hubiera ocurrido nunca, por lo tanto gracias por la receta.
    Blanca de JUEGO DE SABORES

    RispondiElimina

Ogni testimonianza del vostro passaggio sul mio blog è molto gradita, risponderò con piacere ai vostri messaggi appena possibile!
Grazie!

Lettori fissi

Google+ Followers