Pudding alle pesche e amaretti

settembre 12, 2014


Pudding alle pesche e amaretti con crema inglese



Avete mai sentito parlare di "comfort food"?

Si tratta di cibi particolarmente efficaci nel combattere la malinconia, adatti a coccolarsi nei momenti di sconforto...

Questo pudding alle pesche e amaretti è semplice da eseguire e già da solo è buonissimo e rassicurante, ma se lo anneghiamo in una vellutata crema inglese diventa un antidepressivo fenomenale!!

A tutti capitano i "momenti no", in questo caso ci si può  rilassare mettendosi all'opera in cucina e poi  assaporare il frutto del nostro lavoro (meglio ancora se in buona compagnia) e usufruire delle proprietà esilaranti di un semplice e fragrante dolce fatto in casa.



Ricetta del pudding alle pesche e amaretti

Ingredienti (per 6-8 porzioni):

400 ml di latte intero
150 gr di pane raffermo
150 gr di amaretti secchi + q.b. per infarinare gli stampi e la decorazione finale
50 gr di mandorle intere senza buccia
3 pesche noci sode*
1 uovo medio
1 cucchiaino di fecola di patate
La buccia grattugiata di un piccolo limone
Il succo di mezzo limone
1 cucchiaio raso di zucchero
Zucchero a velo q.b.
Mandorle affettate q.b.

*potete sostituire le pesche con prugne o percoche


Tagliate il pane secco a pezzi eliminando la crosta (dovrete ottenere 150 gr di mollica) e mettetelo a bagno nel latte insieme agli amaretti sbriciolati per circa due ore, rigirandolo e pressandolo di tanto in tanto.

Tagliate le mandorle molto grossolanamente con un coltello e fatele tostare.

Trascorso il tempo di ammollo del pane lavoratelo e schiacciatelo con una forchetta fino ad ottenere un impasto grossolano.

N.B.: non ho aggiunto zucchero tra gli ingredienti perchè gli amaretti sono già molto dolci; a questo punto della lavorazione assaggiate il composto e decidete quindi se inserirne uno o due cucchiai secondo i vostri gusti.

Tagliate metà delle pesche a fettine e mettetele in una ciotola con il succo di limone e il cucchiaio di zucchero, rigiratele con un cucchiaio.

Tagliate a pezzetti la rimanente metà di pesche e inseritele al composto di pane insieme alle mandorle tostate, l'uovo leggermente sbattuto, la scorza di limone grattugiata e la fecola setacciata attraverso un colino.

Tritate finemente 5-6 amaretti, imburrate bene gli stampi (io ho utilizzato 6 pirottini di ceramica di diametro 8 cm) ed infarinateli con la polvere di amaretto.

Portate il forno a 180°C in modalità statica; con un mestolo riempite gli stampi con l'impasto, disponete le fettine di pesca sulla superficie e spolverate generosamente di zucchero a velo, disponete i pirottini su una leccarda e infornate a forno già caldo per circa 45-50 minuti (i tempi esatti di cottura dipendono dal forno e dagli stampi che utilizzerete, considerate che i pudding alle pesche e amaretti dovranno risultare sodi ma morbidi e umidi all'interno, la superficie dovrà essere leggermente caramellata).

A cottura ultimata spegnete e lasciate intiepidire i pudding per 10 minuti con lo spotello leggermente aperto prima di estrarli dal forno, sformateli dagli stampi quando non saranno ancora completamente freddi adagiandoli su una gratella.

Decorate i pudding alle pesche e amaretti con fette di mandorla tostate e/o amaretto sbriciolato.






Se volete rinforzare l'effetto "comfort food" vi consiglio di gustare i pudding alle pesche e amaretto accompagnati da una golosa crema inglese...
Eccovi la ricetta!

Crema inglese:

4 tuorli (uova medie)
70 grammi di zucchero
500 ml di latte intero
Una scorzetta di limone
Mezzo baccello di vaniglia


In una ciotola lavorate con la frusta i tuorli con lo zucchero e i semi di vaniglia.
Fate scaldare in un pentolino il latte con la scorzetta di limone e il baccello di vaniglia che avete precedentemente svuotato dei semi, quando sarà arrivato quasi a bollore inseritelo a filo nei tuorli.
Riversate il liquido nel pentolino e rimettetelo su fiamma, fatelo raddensare per qualche minuto continando a mescolare con la frusta.
La crema è pronta quando immergendovi e tirando fuori un cucchiaio questo risulterà nappato (coperto da un velo).
A questo punto dovrete immediatamente togliere il pentolino dal fuoco e raffreddarlo immergendolo in una ciotola contenente acqua fredda e ghiaccio perchè se il calore supera gli 85° la crema "straccia" (l'uovo si coagula).
Se non avete un termometro da cucina e non avete l'occhio pratico non preoccupatevi perchè se proprio l'esperimento non vi riuscisse potrete rimediare frullando la crema in un mixer e poi passandola in un colino.
Ora "tuffatevi" in questo laghetto confortante...



You Might Also Like

23 commenti

  1. Non riesco a esprimere quanto mi piace, è esattamente il genere di dolce coccola che mi ci vorrebbe dopo questa pesantissima settimana!! Brava cara, delizioso. Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora coccolati Marghe, te lo meriti!
      Un bacio!

      Elimina
  2. Delizioso già così...semplice, se poi ci metti anche la crema inglese, diventa un dolce davvero speciale, l'ultima foto è da acquolina!!!
    Bravissima Silvia :))
    Un caro abbraccio...

    RispondiElimina
  3. Una coccola meravigliosa!!!! bellissimo l'accostamento con la crema inglese, mi ci tufferei volentieri :-)
    Complimenti!!!!
    Ciao, a presto ....

    RispondiElimina
  4. O_O come non sapere cosa sono i comfort food?? e questo rientra perfettamente nella categoria..a momenti svengo di fronte alla foto :-P

    RispondiElimina
  5. Meraviglioso! E se uno è talmente depresso che non ha nemmeno voglia di andare fino in cucina? un abbraccio cara Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se proprio non ha voglia di andare in cucina può passare da una pasticceria, ma costa di più e non è altrettanto divertente.
      Un bacio!

      Elimina
  6. Dovrò farne a centinaia amica cara...altro che depressione!
    Incominciamo a mettermi all'opera , unendomi al tuo blog e per tutti noi questa prelibatezza!
    Felice se vorrai unirti al mio blog...
    Un grazie di cuore e un abbraccio domenicale!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, centinaia direi che è meglio di no, non vorrei diventare colpevole di un aumento di peso con conseguente peggioramento dell'umore...
      Anche se questo pudding è povero sia di zuccheri che di grassi, ed è sicuramente una coccola che ci lo si può concedere a cuor sereno, cento sono troppi!
      Baci!

      Elimina
  7. Bello e buono... E' tanto tempo che voglio fare il pudding, una ricetta per riciclare il pane, e dargli nuova vita e valore! Buona! Spero che abbia fatto il suo dovere di comfort food :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, ha fatto il suo dovere fin troppo bene infatti dopo il primo me ne sono divorata un secondo! I restanti hanno fatto felici mio marito e i vicini:)
      Un bacio!

      Elimina
  8. Buonissimo e goloso dessert! Bellissima presentazione! Complimentiiiii
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Un ottimo comfort food i tuoi dolcetti, complimenti, con la crema inglese poi deve essere una vera goduria per il palato e per l'anima! Bacioni

    RispondiElimina
  10. la storia della polvere di amaretti sulle pareti del pirottino mi piace assai, ma anche il resto!
    confortiamoci, si si, confortiamoci che di cose ne abbiamo tante per confortarci!
    un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina
  11. In questo periodo ho tanto bisogno di confort food!!!! E quasi sempre si tratta di dolci!!! Preparare un buon dolcetto è assolutamente antidepressivo e confortante!!! L'accoppiata pesche-amaretto è perfetta, e il tuo pudding è bellissimo!!!

    RispondiElimina
  12. Che bontà incredibile! :-) pesche e amaretti sono la fine del mondo, poi se facenti parte di un pudding sommerso da crema inglese è ancora meglio :-)

    RispondiElimina
  13. No, vabbè, io sono appena arrivata, questa è la seconda ricetta che vedo e per la seconda volta mi hai fatto brontolare lo stomaco e fatto venire l'acquolina. Non si fa così, soprattutto con chi, come me, in questo momento ha solo fette biscottate in casa :D Ahah scherzi a parte, fai davvero dolci irresistibili ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben arrivata! La buona notizia è che il pane della ricetta può essere sostituito dalle fette biscottate:) ma purtroppo servono anche gli altri ingredienti!
      Un bacio!

      Elimina
  14. Ciao Silvia, che distratta mi stavo perdendo questa meraviglia e dire che ti aspettavo!
    un abbraccio grande
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Su! Che bello ritrovarti! Un bacio!

      Elimina
  15. Un comfort food perfetto! Un pudding dall'aspetto delizioso e molto invitante.
    Complimenti per le ricette interessanti, sarà un piacere seguirti. :)
    A presto!

    RispondiElimina
  16. Abbinamento pesche amaretti è sempre azzeccatissimo!!!

    RispondiElimina

Ogni testimonianza del vostro passaggio sul mio blog è molto gradita, risponderò con piacere ai vostri messaggi appena possibile!
Grazie!

Lettori fissi

Google+ Followers