Carrè d'agnello al miele con salsa al vino rosso

novembre 13, 2013


Sapete cos'è l'"ansia da prestazione"?


Carrè d'agnello al miele con salsa al vino rosso 

No, niente a che vedere con la poca autostima in ambito sessuale, nel mio caso è  scaturita dal profondo rispetto nei confronti di una bottiglia.

Per farvela molto breve, nel week end appena trascorso ho dovuto cucinare un pranzo degno di un vino di una certa importanza: un Sassicaia del 1995.

Un caso in cui non è il vino a dover accompagnare le portate ma viceversa.

Sapete, a me non capita tutti giorni un ospite simile sulla tavola e non ho neppure lontanamente la preparazione di un sommelier o di uno chef...

Con umiltà ed emozione ho quindi studiato il mio menu temendo di non essere all'altezza, di non fare giusto onore alla rispettabile boccia, di rovinare i festeggiamenti del compleanno del mio consorte, di causare già che c'ero un disastro ambientale con la conseguente estinzione dell'intero genere umano...

Insomma: a volte essere una donna in balia delle proprie fluttuazioni ormanali non è facile!

Comunque sia, il Sassicaia è un vino di classe, il prodotto dell'annata 1995 è equilibrato e morbido, con corpo medio-pieno e tannini dolci, ho pensato quindi di accompagnarlo a delle portate dai sapori di carattere ma non aggressivi.

Questo è stato il menu:

pan brioche con terrina di patè di fegato di vitello e cipolle di Tropea caramellate,
carrè d'agnello al miele con salsa al vino rosso,
castagne saltate al burro ed alloro e spinaci novelli con pinoli e uvetta,
mousse al cioccolato fondente e peperoncino.

Cosa ne pensate?

Devo dire che il pranzo è stato molto gradito, da me non tanto perchè ero impegnata tra fornelli, impiattamenti e foto.

Rimpiango un po' di non essere stata anche io comodamente seduta a gustare serenamente il cibo e la nobile bevanda.

L'esperienza insegna.

Alla fine di questa mia piccola avventura in cucina ho però raccolto diverso materiale per i prossimi post.

Inizio dal piatto principale: il carrè d'agnello al miele con salsa di vino rosso.


Ingredienti (per 3-4 persone)

Carrè d'agnello (2 pezzi da circa 500 gr cad.)
3 cucchiaini di miele di castagno
1 rametto di rosmarino
1 rametto di timo
1 cucchiaino di semi di finocchio
Olio q.b.
Sale e pepe q.b.


Per il fondo scuro d'agnello:

250 gr di ossa e ritagli d'agnello
1 cipolla piccola (ca. 30 gr.)
1/2 carota
1/2 gambo di sedano
65 ml di vino rosso di buona qualità
750 ml d'acqua
Mezzo cucchiaino di concentrato di pomodoro
1 piccolo rametto di rosmarino
1 piccolo rametto di timo
4 grani di pepe
Olio q.b. (circa un cucchiaio)
Sale e pepe q.b.


Per la salsa al vino rosso:

200 ml di fondo scuro d'agnello
120 ml di vino rosso di buona qualità
60 ml di Porto rosso di buona qualità
4 grani di pepe
1 piccola foglia di alloro
1 rametto di timo
1 noce di burro





Per prima cosa prepariamo il fondo: 

tagliate le ossa e i ritagli d'agnello a pezzi (io ho utilizzato una parte di collo), fateli rosolare molto bene a fiamma vivace in una pentola leggermente unta d'olio, aggiungete quindi le verdure tagliate a dadini e un altro filo d'olio, fatele apassire.

A questo punto nella pentola si sarà creato un fondo abrustolito, iniziate  ad aggiungere il vino deglassandolo (staccandolo e sciogliendolo con l'aiuto di un cucchiaio di legno), continuate ad aggiungere il vino e fatelo sfumare.

Ora abbassate la fiamma, aggiungete il concentrato di pomodoro, l'acqua, gli aromi, regolate di sale e fate cuocere dolcemente il tutto per circa 2 ore o più, fino a che il fondo non si sarà molto ridotto (dovrete ottenerne circa 250 ml).

Filtrate il fondo con un colino fino e fatelo ben raffreddare, eliminate quindi il grasso che si sarà solidificato in superficie.

Potete prepararlo in anticipo e conservarlo in frigorifero per un paio di giorni, si può anche congelare e conservare per diversi mesi.


Ora passiamo alla salsa:

Mettete in un pentolino il vino con il Porto e gli aromi e fate ridurre il tutto a fiamma dolce di circa 1/3, aggiungete quindi il fondo bruno e fate sobbollire per altri 15-20 minuti.

Filtrate con un colino fino, regolate di sale e pepe e incorporate la noce di burro fredda.


Arriviamo alla preparazione del carrè:

fate un trito non troppo sottile con le foglie di rosmarino, di timo e i semi di finocchio, mettetelo in una ciotolina unendo il miele ed un pizzico di sale.

Eliminate la pelle e l'eventuale grasso in eccesso dal carrè, pulite e raschiate bene le ossa (se avete un macellaio di fiducia fatevelo preparare ad arte da lui), quindi massaggiatelo ungendolo con olio evo, salatelo e pepatelo.

Scaldate bene una padella e rosolate a fiamma alta il carrè facendolo imbrunire da tutti i lati , poi mettetelo da parte ad intiepidire.

Ora cospargetelo con il trito di erbe e miele e mettetelo in forno già caldo a 200° per 15 minuti.

A cottura terminata lasciatelo riposare per 8 minuti, quindi tagliatelo a fette utilizzando un coltello robusto e ben affilato cercando di passare attraverso le naturali giunture delle ossa.

Impiattate insieme al contorno cospargendo la carne leggermente di salsa al vino rosso che poi servirete anche a parte, calda, in una salsiera.

Il carrè d'agnello va mangiato rosa all'interno, ma se proprio preferite la carne ben cotta prolungate il tempo in forno di 5-10 minuti.

  



Con questa ricetta partecipo con grande piacere al quarto contest dell'Agriturismo  Ca' Versa!





You Might Also Like

37 commenti

  1. Una meraviglia! Purtroppo quando si fanno queste super cene noi cuoche siamo le più impegnate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già cara Silvia! Però esistono anche i catering! :)
      Ciao!

      Elimina
  2. Ciao Silvia, direi che te la sei cavata alla grande, un menù splendido eseguito sicuramente in maniera impeccabile visto il risultato di questo favoloso carrè :)) Beati gli invitanti al pranzo che hanno potuto gustare le tue portate....brava!!!
    bacioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, meno male che alla fine il pranzo è riuscito anche se io non me lo sono goduto del tutto, ma vedere gli altri contenti ripaga della fatica:)
      Baci!

      Elimina
  3. Ci credo che con un Sassicaia in mano ti è venuta ansia da prestazione !! Posso solo immaginare quanto abbiano apprezzato i tuoi commensali....Io adoro l'agnello ed il connubio miele/vino lo vedo bene. La presentazione poi è eccellente. Brava Silvia !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina mi fa molto piacere la tua approvazione!
      Anche a me piace la carne d'agnello anche se cerco di non mangiarla spesso perche la cosa mi fa sentire un po' in colpa, pensa che guardare la foto del carrè mi da un po' fastidio...
      Lacrime da coccodrillo, lo so!
      Baci!

      Elimina
  4. Eh, sh...l'estinzione del genere umano ; )
    Certo che hai fatto un pranzo da re...tra un paio di mesi compio gli anni, quasi quasi ti invito: a cucinare!
    Noi abbiamo stappato un Barolo l'altro mese, ma il nostro ospite si è offerto di portare il suo brasato e ho comodamente lasciato fare.
    Questo agnello è da urlo, sono sempre molto insicura con le carni che cucino poco e se mi cimenterò seguirò le tue istruzioni!
    Già bisogna anche pensare a gustarsi il pranzo, vino annesso.
    bravissima,
    baci Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Su, ma per il tuo compleanno ti preparo quello che vuoi! :)
      Ne sarei felice! :)
      Il Sassicaia lo prendi tu? :)
      Se preferisci va bene anche il Barolo! :)
      Bacissimi Su!

      Elimina
    2. alla fine, non vorrei espormi troppo, il Barolo era buono ma l'ho trovato impegnativo, chissà forse ho gusti troppo semplici. Chissà, Il Sassicaia non l'ho mai assaggiato, sì, prenderò quello!
      ; )

      Elimina
  5. felicidades por la receta y por el blog, esta genial, asi que con tu permiso me quedo mirando cosas ricas por aqui, saludossssss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias Paco! Ne sono molto felice!
      Baci!

      Elimina
  6. Silvietta puoi partecipare al mio contest con questa ricetta.. metti il loghino e via.. vuoi?? baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!! Ma come no?!?!?
      Già fatto! :)
      Baci Valeria!

      Elimina
  7. Porca paletta che Sginor piatto! E anche che spettacolo di menù ... mamma mia, ci credo che eri in ansia. Un Sassicaia è un vino di tutto rispetto, auguri al marito, anche se in ritardo e complimenti per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry!!
      L'ansia è passata e ho deciso la punizione nei confronti di chi ha solo goduto della situazione: cucinerà lui per il mio prossimo compleanno (non sa neanche fare un uovo al tegamino) e inviterò tanti ma tanti amici! :)
      Baci!

      Elimina
    2. Silvia volevo avvisarti che il mio blog ha cambiato "casa" ora ho traslocato qui
      http://blog.cookaround.com/ipasticciditerry/
      sto finendo di "arredarla e abbellirla" spero ti piaccia. Buona serata

      Elimina
  8. Fantastico, Silvia! Sembra molto buono. Baci!

    RispondiElimina
  9. è delizioso questo piatto!! Proverò a farlo sicuramente!! La presentazione è ottima!! Complimenti Silvia!!! buona giornata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Angelica, buon week end!

      Elimina
  10. Direi che sei stata proprio brava!! Un piatto da grandi chef!! Beati i tuoi ospiti!! Un bacione cara Silvia e buon weekend!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anita, l'ospite si è leccato i baffi...
      Ciao!

      Elimina
  11. dall'impiattamento si direbbe che l'ha preparato un grande chef, bravissima! sono certa che si sposi benissimo con il vino prescelto!
    un abbraccio Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Linda, penso che sia andato bene con il vino, però sarei curiosa di sapere l'opinione di uno che di abbinamenti vino-cibi è esperto.
      Baci!

      Elimina
  12. Complimenti un menù da 5 stelle...quando si hanno ospiti e sempre così!

    RispondiElimina
  13. la ricetta è fantastica e la proverò presto, anche io passo il tempo ad impiattare ed a far foto e mi perdo sempre il pranzo! SE ti va passa a trovarmi, da poco posto ricette di cucina e se ti va possiamo seguirci tacco 12 in cucina
    a presto jeasmine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo volentieri al più presto.
      Baci!

      Elimina
  14. Exquisito!!!
    Me encanta tu blog!!
    Saludos desde Madrid!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gracias!
      Madrid è una città bellissima!
      Ciao!

      Elimina
  15. Silvia, io conosco il Sassicaia, un vino stupendo e capisco la tua apprensione ma mi sembra che ... non ci siano stati problemi! bellissimo il carrè di agnello con le castagne salata, perfetto. non vedo l'ora di vedere la ricetta del banbrioche con ilo patè e le cipolle caramellate....
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sandra, devi aspettare ancora qualche giorno ma sarà fatto, tra l'altro è un antipastino adatto al Natale.
      Baci!

      Elimina
  16. Ciao Silvia! Intanto complimenti per il blog, non lo conoscevo... ora rimedierò, perché le tue ricette sono proprio nelle mie corde... Io conosco benissimo il Sassicaia e capisco il timore reverenziale nell'abbinare dei piatti a questo vino importante come profumi e decisamente costoso. Hai fatto pienamente centro... e l'agnello è venuto in modo eccezionale, roseo, succulento... guarda, sono a dieta ma mi sta venendo fame.... a presto! Ada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ada, grazie mille, ho fatto un giro nel tuo sito e caspita, anche lui è nelle mie corde!
      Che ricette golose... Altro che dieta!
      Un bacio!

      Elimina
  17. Fantastico !!!!!!!!!
    Bellissima presentazione e ottima ricetta !!!!!!!!!!
    Mi sono iscritta tra le tue lettrici ! 
    Ti mando anche i link ai miei Blog se ti fa piacere vederli !
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    e questo di Ricette dei Bimbi
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/
    Se ti va di iscriverti tra le mie lettrici mi farebbe piacere !!!!!! :)
    Ciao e complimenti ancora !!!

    RispondiElimina
  18. sappi che sei sempre una delle mie muse preferite Silvia, anche oggi sono a cercare idee dal tuo blog!
    un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra, lo sai che la simpatia e la stima é reciproca...
      Un grande bacio!

      Elimina

Ogni testimonianza del vostro passaggio sul mio blog è molto gradita, risponderò con piacere ai vostri messaggi appena possibile!
Grazie!

Lettori fissi

Google+ Followers