Una focaccia che viene dallo spazio!

giugno 26, 2013

Scusate l'arroganza del titolo, ovviamente vuole essere spiritoso, e poi non riesco a nascondere l'orgoglio per il risultato ottenuto da questo esperimento...

Dunque...

Ho voluto mettere in una sola focaccia tutto quello che mi piace nel suo genere: il colore dorato, il sapore e la croccantezza esterna che solo il grano duro può dare, l'aroma e la digeribilità che si ottiene dalla lievitazione con la pasta madre, la leggerezza e la sofficità della mollica ottenuta grazie alla lunga fermentazione e alla collaborazione del lievito di birra.

Dite che può bastare?

Non è stato un lavoro breve in tempistiche, ma questa focaccia a lievitazione mista è la più buona che io abbia mai sfornato fino ad ora, di una leggerezza estrema e per questo adatta ad essere imbottita con salumi, formaggi e ricche farciture.

Insomma, vi presento la mia focaccia a lievitazione mista con semola rimacinata di grano duro.


Ricetta della focaccia a lievitazione mista con semola rimacinata di grano duro

Ingredienti:

100 gr di pasta madre liquida rinfrescata e ben attiva
(oppure 75 gr di p.m. solida e 25 ml di acqua in più nell'impasto)
300 gr di farina 0
350 gr di semola rimacinata di grano duro (per essere precisa io ho utilizzato la Senatore Cappelli)
500  ml di acqua c.a.
Un cucchiaino di malto d'orzo
4 cucchiai di olio evo  e q.b. per pennellare
4 gr di lievito di birra
1 cucchiaino e 1/2 di sale
Rosmarino q.b.

Prima fase:
100 gr di pasta madre liquida
(oppure 75 gr di p.m. solida e 25 ml di acqua in più nell'impasto)
150 gr di farina
200 gr di semola rimacinata di grano duro
250 ml di acqua
Un cucchiaino di malto d'orzo

Ho sciolto la pasta madre con il cucchiaino di malto e metà dell'acqua nella ciotola della planetaria, poi aggiunto circa metà delle due farine e ho iniziato a lavorare a bassa velocità, ho proseguito alternando acqua e farina fino al loro esaurimento.

Quando il composto è risultato sufficientemente amalgamato e omogeneo ho coperto la ciotola della planetaria con pellicola e  ho lasciato l'impasto in autolisi per 3 ore (siamo in estate, in inverno farei 4 ore), questa scelta l'ho fatta per avvantaggiare l'azione lenta della pasta madre prima di inserire il lievito di birra.

Seconda fase:

150 gr di farina
150 gr di semola rimacinata di grano duro
250 ml di acqua
4 cucchiai di olio evo
4 gr di lievito di birra
1 cucchiaino e 1/2 di sale

Trascorso il tempo di riposo ho sciolto il lievito di birra in metà dell'acqua rimasta, l'ho aggiunto all'impasto e ho ripreso a far lavorare la planetaria e ad alternare farina e acqua, verso la fine ho aggiunto il sale e l'olio un cucchiaio alla volta.

Ho lavorato l'impasto, ribaltandolo 2 o 3 volte, fino a che non è risultato liscio ed omogeneo e si è staccato dalla ciotola, quindi l'ho rovesciato su un piano infarinato, ho praticato due pieghe del secondo tipo (vedi qui), l'ho arrotondato, l'ho trasferito in un recipiente unto d'olio, l'ho sigillato con pellicola e l'ho posizionato in frigorifero per tutta la notte.

Al mattino ho lasciato l'impasto della focaccia a lievitazione mista con semola rimacinata di grano duri a temperatura ambiente per un'oretta, l'ho poi rovesciato su un piano infarinato, l'ho delicatamente e leggermente appiattito dandogli una forma lunga e rettangolare, l'ho diviso in due e ho praticato una piega del primo tipo (vedi qui) ad ogni pezzo portando all'interno le parti tagliate.

Ho coperto di carta da forno due teglie e l'ho pennellata con un po' di olio, quindi ho trasferito le due pezzature nelle teglie appoggiandole sulla parte di chiusura delle pieghe e  ho poi coperto il tutto con due strofinacci puliti, bagnati e strizzati.






Dopo mezzora ho dato alla pasta una prima stesura con le mani unte d'olio, dopo un'altra mezzora ho completato l'operazione precedente e ho lasciato lievitare fino al raddoppio.

Ho cosparso la superficie con rosmarino fresco tritato grossolanamente e ho acceso il forno al massimo in modalità statica posizionando un ripiano al centro.

Prima di infornare ho pennellato delicatamente le focacce con un po' d'olio e le ho cosparse di sale, su una ho fatto i buchi premendo con delicatezza con i polpastrelli delle dita fino a sentire il fondo della teglia, l'altra l'ho voluta un po' anticonformista e l'ho lasciata senza buchi.

Ho infornato la prima focaccia appoggiando la teglia direttamente sul fondo del forno già caldo a 230°C per 10-12 minuti, poi l'ho spostata sul ripiano al centro e ho completato la cottura facendola ben dorare; per la seconda ho ripetuto la stessa procedura.

Ho lasciato raffreddare le focacce a lievitazione mista con semola rimacinata di grano duro su delle griglie e ho faticato a non mangiarle tutte da sola ancora tiepide.


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Panissimo che nasce da un'interessante iniziativa di Sandra (www.sonoiosandra.blogspot.it) e Barbara (www.myitaliansmorgasbord.com) che nel mese di giugno è ospitato da Barbara di Bread & Companatico.



You Might Also Like

22 commenti

  1. Io adoro la pizza, e la focaccia la mangerei ogni giorno al posto del pane!!! Devo assolutamente provarla, perchè le immagini della tua sua invitantissime e mi hanno fatto venire una gran voglia di mangiarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa, a chi lo dici, se potessi mangerei la pizza 3 o 4 volte a settimana... Altro che finger food:)
      Se provi fammi sapere.
      Baci!

      Elimina
  2. sarà anche spaziale ma io me la mangerei tutta! bravissima Silvia, bellissima versione!
    baci
    Sandra
    p.s. grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un piacere Sandra, grazie a te!
      Ciao!

      Elimina
  3. mamma mia che focaccia! E' davvero splendida e immagino anche buonissima.
    bravissima! un abbraccio Linda

    RispondiElimina
  4. Ciao Silvia, FAVOLOSA questa focaccia, con la pasta madre sono sicura che è tutta un'altra cosa!!! Complimenti hai fatto un ottimo lavoro!!!
    Bacioni, buona giornata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, ti ringrazio, infatti non volevo proprio rinunciare ad utilizzare la pasta madre, ma ho cercato comunque una leggerezza in più considerata anche la tenacia del glutine della farina di grano duro.
      Baci!

      Elimina
  5. In effetti è fenomenale, complimenti! Approfitto della visita per unirmi ai lettori fissi del tuo delizioso blog, così da non perdermi le tue prossime realizzazioni! Grazie e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara, piacere di conoscerti e di averti tra i miei lettori, vengo subito a ricambiare la visita!
      Baci!

      Elimina
  6. Bellissima la tua focaccia! Per quanto riguarda l'unione della pasta madre e del lievito di birra i pareri sono contrastanti. Pare che anzichè stimolare la crescita e unirsi le due cose si ostacolino ... a vedere i tuoi risultati non si direbbe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Terry, grazie! Anche io non direi visto il risultato, ma forse dipende da come si mettono insieme le due cose... Non saprei, di solito uso una cosa o l'altra ma direi che questa volta l'esperimento é riuscito.
      Baci!

      Elimina
  7. ..arroganza??!! Assolutamente hai detto la pura verità..questa focaccia è spaziale ^_*
    Hai realizzato la regina delle focacce!
    Bravissima
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      Consu sei sempre buona! Buona come le tue super ricette:)
      Baci!!

      Elimina
  8. Si vede che è spaziale, brava, sembra sfornata in panetteria, complimenti!!! a presto ...

    RispondiElimina
  9. e visto che arriva dallo spazio: fanne cadere un pezzo qui, aspetto a bocca aperta!
    gnam che bella!
    Su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriva un asteroide di focaccia! Preparati!
      :)
      Baci!

      Elimina
  10. Silvia, puoi dirlo forte che è spaziale !! Guarda che alveolatura ! E che sofficità ! 10 e lode !!!!

    RispondiElimina
  11. ed io voglio essere un extraterreste per sbaffarmela tutta!!!! fantastica, bella e deliziosa!

    RispondiElimina
  12. Fantastica questa focaccia... fa proprio venire voglia di tagliarla a metà e farcirla con ogni ben di Dio!! :D

    RispondiElimina

Ogni testimonianza del vostro passaggio sul mio blog è molto gradita, risponderò con piacere ai vostri messaggi appena possibile!
Grazie!

Lettori fissi

Google+ Followers